Chiedere scusa in Inglese: I’m sorry


I'm sorry: chiedere scusa in Inglese

Saper chiedere scusa in Inglese

Essere in grado di chiedere scusa in Inglese e in qualsiasi altra lingua non è capacità di chiunque, ma essere a conoscenza che ci sono modi diversi per scusarsi può certamente essere utile in contesti e situazioni differenti. Tutti i corsi di Inglese insegnano nelle prime lezioni come scusarsi quando si commette un errore.

Innanzitutto occorre capire che porgere le proprie scuse è cosa nobile e non si tratta al contrario di un’ umiliazione, pone l’ interlocutore a cui abbiamo fatto un torto di qualsiasi entità ad essere propenso all’ascolto, favorendo un atteggiamento empatico e riparatore. Essere aderente alle proprie intenzioni, ovvero quelle di farsi perdonare, è il primo elemento fondamentale, infatti laddove chiedere scusa in modo sincero favorisce il recupero del danno, lieve o importante che sia, porsi in maniera approssimativa o ancor peggio falsa darà senza dubbio il risultato opposto aggravando la situazione e innervosendo l’interlocutore al quale arriverà una scusa di facciata che lo farà sentire preso in giro ponendolo sulla difensiva nei nostri confronti irrigidendo così la conversazione e non ottenendo quanto voluto.

Da tenere a mente è poi la saggezza dei nostri predecessori latini che afferma : Excusatio non petita, accusatio manifesta laddove una scusa non richiesta è un’ accusa manifesta in quanto sta a significare che chi si scusa si accusa già di per sé o meglio in Inglese, he who excuses himself, accuses himself. Occorre quindi a monte un comportamento retto e il rispetto delle regole, anche quelle idiomatiche che utilizzano vari modi per poter chiedere scusa in base non solo al tipo di relazione con colui il quale ci si vuole scusare ma anche al contesto e all’entità dell’ errore commesso.

Ricordiamo poi che cercare una scusa è differente da porre delle scuse e che in qualunque lingua lo si fa, chiedere scusa non è solo un modo di dire ma prima di tutto un modo di fare e sapersi comportare.

Modi di chiedere scusa in Inglese: ways to apologize in English

Modi di chiedere scusa in Inglese

Esistono in Inglese alcune varianti della parola scusa che come abbiamo detto sono relative al contesto e alla relazione instaurata oltre che alle motivazioni. Iniziamo dai contesti informali dove la parola più diffusa e certamente più conosciuta è sorry.

Chiedere scusa in contesti informali

  • Quando l’ entità del nostro errore non è di grande rilevanza, ad esempio nel caso in cui urtiamo involontariamente una persona o dobbiamo farci spazio tra molti in un luogo affollato. Si accompagna sorry con esclamazioni d’ uso comune quali Whoops! Oh! Si antepone I’m so quando vogliamo mostrare il nostro dispiacere, oppure si aggiunge about that in caso di errori lievemente più gravi.
  • Utilizzando un ‘ intonazione adeguata alla sottointesa domanda che stiamo porgendo per domandare cortesemente di ripetere qualcosa che ci è stata riferita ma che non siamo riusciti a comprendere, sorry?
  • Say what? in contesti molto informali e in relazioni amicali, è ancora un altro modo di dire utilizzato soprattutto in America per domandare di ripetere frasi non meglio comprese, corrispondente in italiano all’ espressione che hai detto?
  • Corrisponde invece al nostro porgere condoglianze l’ espressione inglese I am sorry for your loss, per vostra conoscenza, letteralmente mi dispiace per la tua perdita.

Porgere le scuse in contesti formali

Utilizziamo il termine Excuse me:

  • Quando dobbiamo richiamare l’ attenzione di una persona, magari mentre la vediamo passare per chiedere informazioni stradali o aiuto in genere.
  • Quando dobbiamo liberarci da una conversazione che si sta protraendo al di là del previsto
  • Ugualmente al termine sorry , si utilizza Excuse me per chiedere cortesemente di ripetere una frase che non abbiamo compreso. In maniera più formale viene impiegata anche l’ espressione would you mind speaking more slowly? Che corrisponde al nostro chiedere cortesemente di parlare più lentamente.
  • Si antepone you’ll have to ad Excuse me per porgersi in maniera cortese e formale al nostro interlocutore, frase che corrisponde al modo di dire italiano mi deve scusare / vorrà scusarmi.
  • I beg your pardon, di ampio impiego in contesti formali inglesi, è invece l’ espressione più utilizzata per chiedere scusa e contemporaneamente per invitare a ripetere frasi che non siamo riusciti a comprendere.

Entità dell’ errore, termini e modi per scusarsi

Vi sono ovviamente motivi diversi per cui è bene scusarsi, e ci sono gravità differenti che un errore o un’ azione compiuta possono causare. Sulla base di queste ragioni possiamo utilizzare termini differenti come:

  • I’m so sorry , per errori di una certa gravità ad esempio in ambito lavorativo nei confronti di un cliente.
  • I apologize / my apologize per errori più gravi.
  • my mistake , per scusarsi in modo pratico e rapido, corrisponde al modo di dire italiano errore mio.
  • I had that wrong / I was wrong on that letteralmente, ho sbagliato / mi sono sbagliato su questo , sono frasi che per esempio possiamo utilizzare durante una conversazione dove ci si sbaglia nel dare informazioni stradali.
  • I’d like to apologize / I want to apologize / I owe you an apology / I wanted to tell you I’m sorry modo sono frasi che si possono utilizzare sia in contesti formali sia in rapporti confidenziali, nel caso in cui si voglia esprimere tutto il proprio dispiacere assieme alle relative scuse.

Vediamo ora come porgere le scuse per esteso, nello scritto:

  • I sincerely apologize / I take full responsibility mi scuso sinceramente / mi assumo la piena responsabilità , completa la frase la motivazione per cui poniamo le scuse, per ogni problema che ho causato/for any problems I may have caused.

Non resta che applicare la teoria appresa, attenzione a non sbagliare troppo!

Categoria: Lingue straniere | Articolo scritto da:

Dove Siamo

Piazza Bologna (linea B) Logo Metropolitana Roma
Via Ravenna, 34

Scrivici

i termini e le condizioni stabilite sulla Privacy Policy *

Dimostra che non sei un robot