Alfabeto Inglese: lettere e pronuncia


Alfabeto Inglese: lettere e pronuncia

L’Inglese è diventato ormai un mezzo indispensabile nella vita di chiunque, che occorra in un contesto lavorativo, per viaggiare o nel quotidiano. Quando si inizia a studiarlo, l’alfabeto è sicuramente la prima cosa che viene insegnata a chi si sta approcciando per la prima volta nel percorso di apprendimento. A differenza di quello italiano, composto da 21 lettere, l’alfabeto inglese ne conta esattamente 26: quelle in più sono J, K, W, X, Y. Quindi, tale sistema prevede la presenza di:

  • 5 vocali : A, E, I , O, U
  • 2 semi-vocali : W, Y (sono lettere che possono essere sia vocali che consonanti a seconda della loro posizione nella parola).
  • 19 consonanti.

L’alfabeto inglese trae le sue origini da quello latino, così come la maggior parte delle lingue dell’Europa Occidentale, per quanto le variazioni possano essere state comunque molteplici nel corso degli anni. Una delle principali differenze con la lingua italiana riguarda la pronuncia: infatti, se in italiano le lettere si leggono esattamente come vengono scritte, in inglese è indispensabile conoscerne il suono che è diametralmente opposto rispetto alla scrittura. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Le lettere che compongono per intero l’alfabeto inglese sono:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Nella seguente tabella ci sarà l’elenco delle lettere con relativa pronuncia:

Alfabeto Inglese pronuncia delle lettere

NOTA:

L’unica differenza di pronuncia è rappresentata dalla lettera “Z”, che varia in base al paese anglofono di riferimento. Infatti, la pronuncia britannica è “zed”, quella americana è “zee”.

Come già accennato in precedenza, in inglese la pronuncia delle parole non coincide al modo in cui sono scritte, ed è proprio per questo motivo che si ricorre frequentemente allo spelling. Si tratta di una pratica usata sia dai bambini che dagli adulti, e spesso a scuola diventa quasi un incubo! In realtà, è un esercizio estremamente semplice, che equivale a leggere o pronunciare una parola lettera per lettera per far capire com’è scritta. Diventa importante in molti contesti: ad esempio, a volte è indispensabile per le comunicazioni telefoniche, è importante far capire esattamente come è scritto il proprio cognome per una prenotazione o comprendere l’indirizzo esatto al quale recarsi.

È necessario ai fini di una comprensione precisa, soprattutto nella lingua parlata, proprio perché a volte può capitare di sentire un suono, credere di aver compreso, pensare una parola, e scoprire che si tratta di un’altra. Per poter padroneggiare questa pratica è necessario conoscere al meglio e senza incertezza alcuna l’alfabeto inglese e la sua rispettiva pronuncia. Una volta memorizzate tutte le lettere, fare lo spelling sarà veramente un gioco da ragazzi. Innanzitutto, occorre enunciare le lettere una ad una, prestando attenzione alle lettere doppie che, nello spelling, saranno precedute da “double”. Esempio: lo spelling della parola “book” sarà “bi-double ou- kei”. L’unico modo efficace per imparare a farlo è esercitarsi, iniziando prima con parole semplici, poi sempre più complesse e sviscerandole man mano, lettera per lettera. Ed è inoltre fondamentale ripassare e conoscere bene tutte le lettere dell’alfabeto, facendo molta pratica con una miriade di esercizi. Un primo esercizio può essere quello di cominciare a fare lo spelling del proprio nome, ad esempio:

What’s your name?

My name is Vittoria

Spelling: VI- AI- TI- TI- OU- AR- AI- EI

Esistono molti metodi per poterlo ricordare: spesso, quando lo si insegna ai bambini si ricorre all’uso di canzoni e filastrocche. Può sembrare banale, ma questo sistema è davvero efficace per memorizzare l’ordine delle lettere. Chiunque l’abbia provato, a qualunque età, quando si trova a doverlo ripetere, istintivamente, canticchia prima a mente il ritornello tanto familiare, che è una pratica infallibile in caso di dubbio.

Lettere Inglese

Il comune denominatore per tutti è che oggi senza inglese non si va da nessuna parte. Letteralmente parlando, nel senso che anche quando si viaggia è la lingua che ci permette di comunicare per lo più con tutti; genericamente parlando, dal momento che ormai è un requisito fondamentale per le candidature professionali.

L’inglese è poi la lingua di internet, delle app e della maggior parte della produzione cinematografica mondiale. Bisogna proprio impararlo, partendo dalle basi. Sembra tutto molto complicato, soprattutto se pensiamo alle vocali brevi e a quelle lunghe, ai dittonghi (suoni vocalici doppi), e a come cambiano i suoni delle lettere a seconda della vicinanza o meno ad altre lettere… ma non temete, in realtà è tutto molto più semplice di come sembra.

Categoria: Lingue straniere | Articolo scritto da:

Dove Siamo

Piazza Bologna (linea B) Logo Metropolitana Roma
Via Ravenna, 34

Scrivici

i termini e le condizioni stabilite sulla Privacy Policy *

Dimostra che non sei un robot